fbpx

Dal primo Maggio, il Governo ha dato il via libera al quarto passaggio per la cessione del credito e bollino rosso per vietare le cessioni parziali. Le novità apportate hanno lo scopo di trovare una via di mezzo tra l’obiettivo di evitare le frodi fiscali e l’esigenza di non mettere in difficoltà professionisti e imprese.

Cessione del credito, dal 1° maggio via al quarto passaggio

Cessione del credito, chi può effettuare il quarto passaggio

La legge di conversione del Decreto “Energia” (DL 17/2022) ha introdotto la quarta cessione del credito.

I crediti per i quali la prima cessione o lo sconto in fattura sono comunicati all’Agenzia delle Entrate a partire dal 1° maggio 2022, possono essere oggetto di una quarta cessione. La quarta cessione del credito può però essere operata solo dalle banche a favore dei soggetti con cui abbiano stipulato un contratto di conto corrente.

Bonus edilizi, stop alla cessione parziale

Il 1° maggio entra in vigore anche uno dei meccanismi di controllo disposti dal Decreto Sostegni ter, cioè il divieto di cessione parziale del credito corrispondente alle detrazioni fiscali.

I crediti derivanti da sconto in fattura o cessione del credito, possono essere ceduti solo per intero, mentre in precedenza era possibile effettuare cessioni a più soggetti oppure cedere una parte del credito ed utilizzare la parte restante come detrazione Irpef nella dichiarazione dei redditi.

Cessione del credito, il quadro completo

Mettendo a sistema tutte le regole sulla cessione del credito, si viene a creare il seguente quadro:

- prima cessione libera;

- seconda e terza cessione per intero a favore di soggetti qualificati;

- quarta cessione dalle banche ai propri correntisti.

Il quarto passaggio, anche se limitato al sistema bancario, diventa di nuovo libero. Le banche, infatti, possono cedere il credito a chiunque, a condizione che venga stipulato un contratto di conto corrente.

Ulteriori novità introdotte dal 1 Maggio

Oltre i provvedimenti sopraccitati, sono state introdotte altre novità.

  • L’installazione degli impianti fotovoltaici e termici sugli edifici e la realizzazione di tutte le opere funzionali alla connessione alla rete elettrica sono considerati interventi di manutenzioni ordinarie. Nei centri storici e nelle aree sottoposte a vincolo, è liberalizzata l’installazione di pannelli integrati nelle coperture, non visibili dagli spazi pubblici esterni e dai punti di vista panoramici.
  • Nelle zone vincolate per legge, gli interventi di demolizione e ricostruzione, realizzati con diverse sagoma, volumetria e caratteristiche tipologiche cessano di essere nuove costruzioni e diventano ristrutturazioni edilizie.
  • L'installazione delle sonde geotermiche sarà incentivata con il Superbonus e rientrerà tra gli interventi trainanti di sostituzione degli impianti.
  • Il Fondo, da 200 milioni di euro, per la compensazione dei rincari dei materiali da costruzione, verrà arricchito con ulteriori 150 milioni di euro.

Il servizio di Sconto in Fattura Fortinfissi

Fortinfissi da tempo fornisce ai suoi Punti Vendita un servizio di Sconto in Fattura, in partnership con due solidissime realtà finanziarie: Deloitte ed Intesa Sanpaolo.

Il nostro intento infatti è stato sempre quello evitare inutili sovrastrutture e passaggi che spesso aumentano costi e disagi, aiutando i rivenditori a fornire un servizio di sconto in fattura efficiente e rapido.

I clienti Fortinfissi possono quindi usufruire dei vantaggi della cessione del credito in tutta sicurezza grazie ad un team di professionisti a loro disposizione.

 

 
Materiali di qualità, prestazioni eccellenti e prodotto realizzato in Italia.
 
 
Utilizzo dei Cookie

Questo sito web utilizza cookie per offrirti un’esperienza di navigazione personalizzata. Utilizziamo inoltre i Cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico.